NON VIENE AGGIORNATO
LA DOMENICA
E I GIORNI FESTIVI
Sabato 22 Settembre 2017 - Il Santo del giorno:  San Pio da Pietrelcina, Sacerdote cappuccino

Il tempo... ieri - Una bella giornata di inizio autunno. Le temperature rigide al mattino pian piano sono risalite. Forte escursione termica. Notte stellata con correnti fredde. Temp: mass. 18,5°C; min. 2,2°C; attuale 6,3°C (ore 23,30)
 
   evento del giorno
Giornate Europee
del Patrimonio:
Gli appuntamenti in Abruzzo

Oggi 23 e domani 24 settembre torna l’appuntamento con le Giornate Europee del Patrimonio. Il tema scelto del Consiglio d’Europa per la nuova edizione è “Cultura e Natura”.
Per tutto il weekend nei musei statali tante iniziative ed eventi. E sabato apertura serale a 1€.
Anche in Abruzzo tanti gli appuntamenti in tutte e quattro le province con visite guidate ai musei e ai centri archeologici più importanti.

 
   libri
Maria Teresa Giusti,
La campagna
di Russia
1941 - 1943
Il libro è stato presentato
a L’aquila in occasione
del 2° raduno delle penne nere

Ieri a L’Aquila, nell’ambito delle cerimonie culturali per il 2* raduno del “Battaglione L’Aquila”, è stato presentato nell’Auditorium del Parco, alle ore 16,00, il libro di Maria Teresa Giusti “La Campagna di Russia 1941/1943”.
Vincitore del primo premio Friuli Storia 2017,            
il libro racconta la terribile campagna di Russia del 1941 - 43. Quando nel giugno 1941 Hitler scatenò l’«operazione Barbarossa» contro l’Unione Sovietica, avrebbe fatto volentieri a meno dell’aiuto italiano; l’Italia, aveva scritto a Mussolini, avrebbe dovuto concentrare il suo impegno in Nordafrica. Ma Mussolini voleva esserci a tutti i costi, e fece costituire il Corpo di spedizione italiano in Russia (Csir), che a metà luglio partì per il fronte orientale. Un anno dopo, unito a nuovi corpi d’armata nell’Armir (Armata italiana in Russia), fu schierato sul Don dove l’offensiva sovietica, fra dicembre 1942 e gennaio 1943, lo annientò. Dei 230 mila italiani partiti per la Russia, 95 mila non fecero ritorno: parte uccisi in combattimento, parte morti di stenti e di freddo. Tra i combattenti c’era il glorioso Battaglione Alpini L’Aquila.
 
   legambiente
Con Legambiente
Abruzzo

Torna anche in Abruzzo il 23 e 24 settembre l’iniziativa di Legambiente “Puliamo il Mondo”, edizione italiana di “Clean up the world”, appuntamento internazionale di volontariato ambientale. Spazi resi inospitali dall'incuria                
e dalla maleducazione torneranno a vivere grazie ad uno straordinario sforzo collettivo. 
Puliamo il Mondo, da 25 anni, è un'occasione per denunciare le situazioni ambientali e sociali che rendono fragili i nostri territori e per ribadire che, se lo vogliamo, un mondo diverso è possibile. Domenica 24 Puliamo il mondo sarà in diretta televisiva su Rai 3. Dalle ore 8.50 alle 12.00 in "Speciale Puliamo il Mondo", a cura di TGR Rai. 
 
   scienze

Il Vescovo Mons. A. Spina
Domani, domenica 24 settembre, alle ore 18,00, nella Cattedrale di San Panfilo a Sulmona saluterà l’intera Comunità Diocesana di Sulmona-Valva con la Celebrazione della Santa Messa
Mons. Spina dal 1 ottobre inizierà il suo nuovo apostolato nell’arcidiocesi di Ancona-Osimo.

energia che, muovendosi quasi alla velocità della luce, colpiscono la Terra da ogni direzione e possiedono energie diverse. L’esperimento ha ottenuto questo importante risultato osservando particelle cosmiche di energia media di 2 Joule. A queste energie, i raggi cosmici non arrivano in maniera uniforme da tutte le direzioni del cielo. La loro frequenza di arrivo, infatti, è di circa il 6% maggiore da un lato del cielo rispetto alla direzione opposta, con l'eccesso che si trova a circa 120 ° dal centro della nostra galassia. Ciò significa che i raggi cosmici di altissima energia provengono con maggior frequenza da una direzione lontana dal centro galattico. “Questa scoperta indica chiaramente un'origine extragalattica di queste particelle - commenta Daniele Martello, Professore presso l’Università del Salento e responsabile nazionale di Auger - È un primo passo importante a cui ne seguiranno molti altri per giungere a individuare le sorgenti che li hanno emessi”.
il gruppo di ricerca aquilano è così composto (in ordine alfabetico): Gioacchino Alex Anastasi - Ph.D GSSI, Denise Boncioli - LNGS (currently at DESY, Zeuthen, Germany), Armando di Matteo - DSFC Univaq (currently at Université Libre de Bruxelles, Belgium), Aurelio Grillo - LNGS, Giovanni Morlino - Post Doc GSSI, Sergio Petrera - GSSI
Vincenzo Rizi - DSFC Univaq, Francesco Salamida - DSFC Univaq.
Nel gruppo di ricerca internazionale
vi sono anche scienziati del GSSI,
dell'Università dell'Aquila
e dei Laboratori INFN del Gran Sasso

L’Osservatorio Pierre Auger, il più grande osservatorio di raggi cosmici mai costruito dall’uomo, ha pubblicato sulla rivista “Science” un importante studio sull'origine dei raggi cosmici: “i raggi cosmici di altissima energia provengono da galassie lontane e non dalla Via Lattea”. Il risultato risponde a interrogativi che gli scienziati si pongono da mezzo secolo. Nel gruppo di ricerca internazionale, vi fanno parte anche scienziati del Gran Sasso Science Institute (GSSI), del Dipartimento di Scienze Fisiche e Chimiche dell'Università di L'Aquila (DSFC Univaq) e dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso (LNGS). I raggi cosmici di altissima energia sono prodotti nella nostra galassia o provengono da galassie lontane? I raggi cosmici sono particelle e nuclei atomici di alta                          
 
   abruzzesi del trentino
da cui appare tutta la sua bontà e la sua severa fermezza. Opera questa collocata nella Chiesa a ricordo della instancabile opera di carità e di difesa della millenaria civiltà cristiana che Tedeschini svolse in Italia, Spagna, Perù e Malta. Nella breve allocuzione di saluto ai convenuti il presidente Sciullo della Rocca, ha ringraziato gli Alpini di Assergi per la cura con cui custodiscono la Chiesa, ringraziando inoltre il Sindaco del Comune di Mdina Notabile della Repubblica di Malta Peter Sant Manduca e il suo Vice Joseph Paul de Bono per avere sostenuto il ricordo culturale di questo alto prelato che bene operò anche nella Repubblica di Malta. La consegna del busto è stata effettuata, alla presenza del Gruppo A.N.A di Assergi presieduto Antonio Massimi, custode della struttura, del presidente della Sezione A.N.A. Abruzzi Pietro D’Alfonso, dei membri del Comitato Cittadino 18 maggio di Antrodoco, presieduto da Armando Nicoletti, dei soci dell’Accademia Culturale Internazionale San Giovanni Crisostomo di L’Aquila presieduta da Giuseppe Del Zoppo, di Alpini e Cittadini provenienti da varie località dell’Abruzzo, unitamente ai discendenti di alcune famiglie di ex Combattenti della Prima Guerra Mondiale, delle Guerre Coloniali e della Seconda Guerra Mondiale che vennero aiutati nelle loro vicissitudini ed esigenze umane dal Cardinale Tedeschini che si vorrebbe presto Santo per la sua autentica testimonianza Cristiana.
GLI ALPINI EMIGRANTI ABRUZZESI RICORDANO
A CAMPO IMPERATORE
IL CARDINALE
FEDERICO TEDESCHINI

Nel quadro delle attività culturali la Libera Associazione Abruzzesi del Trentino Alto Adige con sede a Bolzano, presieduta da Sergio Paolo Sciullo della Rocca, Ambasciatore d’Abruzzo nel Mondo, Decorato Medaglia d’Oro Mauriziana della Repubblica Italiana del Corpo degli Alpini, ha donato un busto bronzeo del Cardinale abruzzese Federico Tedeschini alla Chiesa Alpina Madonna della Neve a Campo Imperatore per comune desiderio degli alpini abruzzesi emigranti in occasione dell’ottantesimo anniversario di inaugurazione della Chiesa che il 20 settembre 1936 fu benedetta e consacrata da questo grande prelato che fu anche l’artefice della realizzazione. Il busto è una opera altamente pregiata del Professore Giampiero Gigliozzi di Lucoli, tra i maggiori maestri scultori contemporanei, che attraverso la sua espressione artistica ha raffigurato fedelmente il volto del Cardinale                            
 
   giornata mauriziana
Pescocostanzo
Capitale Mauriziana d’Italia
Basilica gremita per la XVI Giornata
Nazionale Mauriziana, presente
una delegazione di devoti dal Brasile
 
Basilica gremita a Pescocostanzo d’Abruzzo per la celebrazione della 16^ Giornata Nazionale Mauriziana, con la partecipazione straordinaria di una numerosa delegazione di devoti al Santo Martire Maurizio dal Brasile alla presenza delle rappresentanze interforze di Decorati Medaglia d’Oro Mauriziana di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri e Guardia di Finanza, unitamente alle rappresentanze con gonfalone dei Comuni degli altipiani maggiori. Numerose le Associazioni Militari Combattentistiche e d’Arma intervenute unitamente agli Alpini per rendere omaggio al loro Santo patrono Maurizio. La Messa solenne è stata officiata da Padre Claudio Gasbarro missionario Comboniano, membro del Capitolo Onorario di San Maurizio coadiuvato dal clero locale. Al termine della celebrazione eucaristica sono seguiti gli interventi di saluto di Gioacchino Sciullo del Comune di Pescocostanzo e del Presidente della Fondazione Mauriziana Francesco Donatelli che ha ringraziato il Presidente del Senato Pietro Grasso per l’elogio rivolto alla Fondazione. Numerosi sono stati i messaggi augurali pervenuti dai Capi di Stato Maggiore delle varie forze armate e corpi di polizia dello stato e dalle autorità istituzionali, particolarmente applaudito dai              
presenti, il messaggio del Generale Federico Bonato Comandante delle Truppe Alpine per i contenuti altamente significativi e toccanti. Al termine dell’incontro il presidente onorario della Fondazione Mauriziana Sergio Paolo Sciullo della Rocca decorato Medaglia d’Oro Mauriziana del Corpo degli Alpini, ha ringraziato la Delegazione di abruzzesi emigranti provenienti dal Brasile guidati da Maria Cristina Liberatore Prando e da Teresina Mammarella Dahmer, congiuntamente ai coordinatori della giornata nazionale mauriziana Luigi Sette e Francesca Trozzi, comunicando inoltre ai convenuti e agli organi della stampa e della pubblica informazione che la Celebrazione della 17^ Giornata Nazionale Mauriziana, è già stata fissata per domenica 16 settembre 2018.
(Foto Arte Valentino Di Stefano)
 
   abruzzo
PROBLEMA CINGHIALI
NON PIÙ RINVIABILE

La Commissione politiche agricole della Conferenza delle Regioni, che riunisce i  soli  assessori  all'agricoltura,  nella  riunione di ieri, a Bari, ha  affrontato  il  tema  dell'emergenza  fauna  selvatica. All'incontro ha partecipato anche l'assessore Dino Pepe.  "Non è  più  rinviabile,  in  quanto  ha  ormai  travalicato  il  confine dei  danni  causati alle  colture  agricole,  per  trasformarsi  in  una  problematica  anche di  interesse pubblico  e  di  sicurezza - ha detto l'assessore Dino Pepe -  il  proliferarsi  delle  popolazioni  di  alcune  specie, in particolare del                  
cinghiale, rappresentano  un  pericolo  concreto  per  l'incolumità                     pubblica  e,  in  molti  casi,  ha  avuto  risvolti  drammatici  con  la  perdita  di  numerose vite  umane". I componenti della commissione politiche agricole hanno evidenziando, poi, che "le Regioni e le Province autonome hanno più volte sollecitato il governo su questa tematica,  ma  ad  oggi  non  hanno  ottenuto  risposte".  Le regioni, "non disponendo di strumenti normativi idonei ad affrontare l'emergenza,  chiedono al  governo l'adozione  di  uno  strumento  specifico  ed  urgente  che,  tenuto  conto  della eccezionalità  della  situazione,  permetta  di  affrontare  una  questione  ormai  fuori controllo,  anche  per  evitare  di  assistere  alle  perdite  di  ulteriori  vite  umane", concludono i componenti della  commissione  politiche  agricole. (REGFLASH)
 
   abruzzo
Abruzzo". Il Comitato, composto da tecnici e rappresentanti delle principali organizzazioni professionali ed associazioni di consumatori, ha esaminato il primo disciplinare di produzione predisposto dalla società cooperativa Ansape di Raiano (AQ) relativo al "Latte crudo e latte fresco pastorizzato Alta Qualità" che intende fregiarsi del marchio collettivo attivato dalla Regione Abruzzo.
Attraverso un attento controllo dell'alimentazione degli animali e delle condizioni di allevamento, sarà possibile ottenere un latte con una certificazione con caratteristiche distintive, eccellente dal punto di vista nutrizionale, frutto dell'impegno di tanti allevatori.
AVVIATO ITER
PER CERTIFICAZIONE
LATTE ALTA QUALITÀ
CON MARCHIO ABRUZZO

Si è tenuta il 20 settembre la prima riunione del Comitato tecnico regionale istituito in applicazione della Legge regionale n. 6/2012 relativa al marchio collettivo comunitario "Qualità Controllata dalla Regione